lunedì, ottobre 31, 2005

Pollo [post di Halloween]

Il pollo, uhm, che bontà. Rosicchi la coscia fino all'osso. Squisito, pensi.

Al telegiornale stanno dando notizie su presunte rivolte nelle strade della città. Il caos imperversa. Dalle vetrine frantumate occhieggiano le luci di emergenza. Un tizio calvo vestito da medico parla delle possibili cause, di psicosi rampante, infezione memetica comportamentale.

Vorresti cambiare canale.
Guardare qualcosa di meno disturbante, almeno a cena.
Ma hai le mani sporche di pollo, non vuoi sporcare il telecomando.

La linea ripassa in studio. Alle spalle dell'annunciatore, altre immagini di violenza: auto avvolte da nubi dense di fumo nero, gente dalle vesti stracciate in fuga dalle case.

Un altro boccone di pollo. Delizioso, così morbido. Rosicchi ancora, lo assapori sempre più in fretta.

Pensi che la partita comincerà fra qualche minuto, sull'altro canale. Ma non cambi: sei troppo occupato a masticare, rosicchiare questo succulento pollo.

Il viso dell'annunciatore è cinereo, stanco. Una dopo l'altra, legge le continue veline che gli vengono passate, in un susseguirsi di notizie confuse su anarchie, stragi, attacchi selvaggi. Il mondo sta finendo, dice con gli occhi lucidi.

E' un contagio, dice. Un contagio nel cibo.
Un contagio nella carne.

Cannibali. Ci fa diventare cannibali.

Assurdo. Possibile? Non lo sai. Ma...
Non riesci a smettere di rosicchiare il tuo pollo. Così fresco.
E' prelibato, non riesci a saziartene, e sembra non finire mai.
Così tante ossa, e ancora la fame, la voglia di rosicchiare.

Rosicchiare più in fretta.

Non sai se il mondo sta finendo, ma sai che questo pollo è la fine del mondo.

Tante ossa. Rosicchiare....

2 Comments:

At 11:59 AM, Anonymous Anonimo said...

POSTI DI LAVORO A RISCHIO:
NON CENSURATE IL POST; DOBBIAMO DIRE LA VERITA'..SIAMO TUTTI A RISCHIO
Certo che i posti di lavoro degli operatori del settore aviario. sono importantissimi. Non dimentichiamo però, che è pur vera la condizione degli allevamenti con relative conseguenze. Questo fatto del virus H5N1 è solo l'apice
di una catena alimentare di massa, fatta in condizioni davvero poco rispettose del volatile, unicamente per il guadagno. Non meravigliamoci se le persone meglio informate, non consumano + polli e simili. Cmq per una eventuale pandemia, non c'è nessuno che possa darci informazioni certe, ( altro che mangiare il pollo in piazza vome fanno i ns politici.........) In questo momento, potrebbe essere virato l'H5N1 e potrebbe essere passato all' uomo in una qualche parte del mondo...non c'è modo di saperlo prima, si è sicuri di questo solo contanto i decessi umani (purtroppo). Il virus vira ogni 90 giorni, questa è la capacità di mutazione dell'H5N1, il vaccino non serve a nulla è una
strategia delle case farmaceutiche. In realtà siamo a rischio almeno per i prossimi 5 anni. Infatti il primo caso di H5N1 è stato isolato nel 1994 in Asia. Ha impiegato 10 anni a diffondersi nel mondo. Capite che davvero c'è poco da scherzare, l'unica prevenzione è non consumare + pollo e volatili per i prossimi anni. Infine se la cottura a 70° uccide il virus ( e questo è da dimostrare) se si verifica il passaggio all'uomo o ad altri animali ..il discorso della cottura non tiene +. Il contagio averrebbe per vie aeree.
PER FAVORE DICIAMO LA VERITA'...SIAMO DAVVERO DINANZI A UN CASO CHE PUO' ESPLODERE CON EFFETTI NON CONTROLLABILI..NON MNGIATE + VOLATILI. Chiunque oscuri questi dati è responsabile
della salute pubblica.

 
At 12:37 PM, Anonymous Anonimo said...

http://lumerkoz.edu I want to say thanks!, http://www.lovespeaks.org/profiles/blogs/buy-elavil grave http://www.lovespeaks.org/profiles/blogs/buy-famvir smoker http://www.comicspace.com/codeine/ bychinsky sutch http://epsaservicecenter.com/members/Buy-Cipro.aspx beposted http://rc8forum.com/members/Buy-Zanaflex.aspx taxation

 

Posta un commento

<< Home