venerdì, dicembre 03, 2004

Che vuoi fare della tua vita?

L'umanità è bella perchè è varia: si capisce da quanti miliardi di differenti piccoli e grandi obiettivi ci poniamo. Questo strano sito ne raccoglie alcuni... ce ne sono di mitici:

# be a rock star (in a metaphysical sense)
# I want to have a real gang bang
# not work and still get paid
# Live Single,See Double,Sleep Tripple


e di poetici:

#Have the courage to let it all go
# crush my demons
# kiss in the rain


[Via Giavasan]

Niente sesso, siamo repubblicani

Sono indeciso se segnalarvi questo articolo per la divertente ottusità dell'iniziativa che riporta, o se per l'allarmante visione di vita che se ne trae. Nel dubbio, eccone un estratto:

Il presidente [George W. Bush, n.d.W.] ha chiesto e ottenuto lo scorso fine settimana un incremento dei fondi destinati alle campagne per l'astinenza sessuale all'interno della legge di bilancio da 388 miliardi di dollari varata dal Senato. L'astinenza sarà finanziata nel 2005 con 131 milioni di dollari, 30 in più dell'anno precedente (ma 100 in meno di quanti Bush ne aveva richiesti).

"Insegniamo ai nostri figli a dire no alla droga, perché non dovremmo insegnar loro a dire no al sesso?", si è chiesta Christine Bauer, uno dei membri del distretto scolastico nel Wisconsin. Wade Horn, sottosegretario alla Salute nell' amministrazione Bush, è d'accordo con lei.
"Non abbiamo bisogno di studi e ricerche, se ricordo bene la biologia, che ci mostrino che le persone che praticano l'astinenza sessuale hanno zero probabilità di una gravidanza indesiderata o di contrarre una malattia sessualmente trasmissibile".


Tra gli elementi di "questa" educazione sessuale proposta dal governo americano dei repubblicani, alcune chicche quali:
- oltre il 50% dei gay americani è affetto da AIDS
- l'AIDS viene trasmesso anche attraverso il contatto con saliva o lacrime
- l'astinenza è l'unico valido metodo contraccettivo per evitare gravidanze indesiderate

e tante altre palle del genere. E torno a dire qualcosa che ho già scritto: anche in questo campo, la politica dei repubblicani sembra essenzialmente quella di generare paura. Una paura castrante (quasi letteralmente!) che uccide il piacere dell'esperienza per timore delle conseguenze; per quanto sia in realtà frutto di accordi con determinate fascie politiche, con precise connotazioni religiose, è un modo di vedere la vita sostanzialmente triste. Molto triste.

Tuttavia, speriamo che abbia successo. Se dovessero applicare con rigida (è il caso di dirlo) e rigorosa coerenza, non esisteranno più repubblicani nel giro di cent'anni!

giovedì, dicembre 02, 2004

Giornalismo d'assalto: l'inchiesta Tastiere Pulite

Da Punto Informatico:

A dare i numeri questa volta è UK Online, uno dei provider di Sua Maestà, che ha analizzato 500 tastiere di computer di clienti e del proprio staff. Un'analisi impietosa che ha portato alla luce pezzi di pane e di carne, zucchero, sale, marmellata, brandelli di pane, unghie, colla, granuli e persino peli pubici.

[L'articolo completo]

Che dire, se non: BLEAH!

Scripta Manent - American Beauty

I had always heard that your entire life flashes before your eyes the second before you die. Only that one second, isn't a second at all, it seems to stretch out forever like an ocean of time. For me it was lying on my back at boy scout camp, watching falling stars. And the maple trees that line our street. Or my grandmother's hands, and how her skin seemed like paper. And the first time I saw my cousin Tony's brand new Firebird. And Janey. And my last thought was of Carolyn. I guess I could be pretty pissed off about what happened to me, but it's hard to be angry when there's so much beauty in the world. Sometimes, I feel like I'm seeing it all at once, and I can't take it. My heart swells up like a balloon that's about to burst. But then I remember to relax, and stop trying to hold onto it. And then, it flows through me like rain and I feel nothing but gratitude for every single moment of my stupid little life. You have no idea what I'm talking about, I'm sure. But don't worry. You will someday.

[Kevin Spacey in American Beauty]