martedì, ottobre 19, 2004

Se il soggettista dei tuoi sogni fosse David Lynch



Una collina boscosa, in autunno. Gli alberi scheletrici, calligrafici, scarabocchiati sullo sfondo di un cielo grigio sgranato. Nessuna foglia rimasta sui rami.

Una scala che sale sulla collina, fino ad una porta scardinata, gettata di lato; dietro gli stipiti un buco nero di cui non si scorge il fondo. Si entra.

Dentro, un cinema abbandonato. Poltrone di velluto rosso scuro, coperte di polvere, dalle coperture stracciate. L'imbottitura - gommapiuma puzzolente, economica - riversata qua e là, in disordine. Sullo schermo, l'immagine storta, creata dal fascio luminoso del proiettore, riproduce vecchie pubblicità anni '60 della Coca-Cola. Le immagini - ingiallite, dai colori sbiaditi - riportano frasi fuori luogo e senza senso: "Che ne penserà della forbice?", "L'ombra dell'uomo non è contigua", "Ho visto la luna farsi troppo grande".

Mentre si ragiona su queste frasi, si è di nuovo fuori. In una periferia deserta, un bambino cammina in lontananza. Si avvicina, zigzagando. Avrà tre o quattro anni, ma lo sguardo serio ha qualcosa di innaturalmente adulto. Anche la velocità con cui cammina è insolita, come se il ritmo dei passi avesse qualcosa di sbagliato.

Come già ebbi occasione di dirvi, la mia attività onirica è quantomeno insolita. Quella sopra riportata è la descrizione - a grandi linee - di ciò che ho sognato la scorsa notte; ennesimo sogno in cui, come persona, non mi sentivo davvero presente. Come essere spettatore di un sogno altrui, vedere qualcosa immaginato da qualcun'altro. Se c'è qualche esperto di psiche, o della Smorfia, accetto volentieri consigli o interpretazioni.



9 Comments:

At 10:15 AM, Anonymous Anonimo said...

...Oppure, appunto, vedere un film...
C'è poco da psicanalizzare, White: mangi film da mane a sera, che pretendi di sognare, le pennellate di Mirò o le fughe di Bach?
A proposito, ma la conlonna sonora c'era? :D
Eli

 
At 11:31 AM, Blogger Mr.White said...

Il problema dell'interpretazione dei sogni dopo Freud, Eli, è proprio questo: niente è mai quello che sembra ("I gufi non sono quello sembrano"?), e ti resta sempre l'interrogativo su cosa è simbolo e cosa è significato. Voglio dire: il cinema è effettivamente un cinema? Il bambino rappresenta magari me stesso, o è solo residuo nell'incoscio della Sadako di "The Ring"?
Probabilmente sono risposte che solo io - con la giusta guida - potrei dare.... Ma al momento non ci riesco, mi pare solo un caos inconsequenziale.

O_ò

 
At 1:44 PM, Anonymous Anonimo said...

Mettila così. Che ci sia un cinema, è una caso (o melgio, un caso di metacinema), per cui non pensare alle immagini come a un sogno, e giudicalo come faresti per un film.
Quindi, per ogni sogno fai una recensione con tanto di giudizi sulla fotografia e sull'interpretazione degli attori, e se proprio di simbologia deve trattarsi, allora tenta di capire che cosa voleva dire l'autore (che poi saresti tu...? La faccenda si complica assai).
Nel caso in cui ti ritrovi di fronte a questi film di ispirazione lynchana, meglio ancora: di significati potrebbe averne svariati milioni, per cui non c'è bisogno di sbattersi a delinearne uno. :D

 
At 3:46 PM, Blogger Mr.White said...

O forse dovrei smetterla con la pizza salsiccia e peperoni. :D

 
At 12:08 AM, Anonymous Anonimo said...

Buonasera, sono lo sceneggiatore di Silent Hill 5.
Non avrebbe altri sogni da raccontarmi?
Sa...avrei maturato qualche ideuzza...

:D wsim

 
At 10:08 AM, Blogger Mr.White said...

Caspita, è vero.
L'influenza silenthilliana è palese, e non me n'ero accorto. :F

 
At 5:52 AM, Blogger giacmc said...

Con permesso?
"La barca a vela." Immagine tutta passiva, tutta impotente. Non in senso cattivo, in verità anche L'Imperatore del Mondo (Presidente Arbusto?) è essenzialmente giocattolo della Fortuna.
"La Scala." Non sono gli anni?
"Il cinema." Cioè, il cinema rovinato. Quasi tutte gl'immagini sono di decadenza, di decomposizione. Guardo la mia propria faccia nello specchio . . . . dove sono i bei momenti?
"Il bimbo." ((Non hai visto di recente un rerun di Ally McBeal con il bimbo computeranimato?)) Forse è l'immagine a contrario, non è bimbo stranamente adulto, ma è adulto maravigliosamente giovane?
"Sbagliato"? Forse non.
--Lo Sciocco di Fool and Juggler

 
At 10:08 AM, Blogger Mr.White said...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

 
At 10:18 AM, Blogger Mr.White said...

Presidente Arbusto!!! Bush suona come un personaggio tolkeniano?

Ad ogni modo, giacmc, il bambino sognato da me era ben poco "Mcbealiano"... purtroppo!

(:

 

Posta un commento

<< Home