giovedì, luglio 15, 2004

Dejà-connu

Da qualche giorno mi capita di sperimentare uno strano fatto: mi pare che tante persone con cui ho contatto, che conosco, o che semplicemente sfioro, abbiano qualcosa di qualcuno già conosciuto. Non nel senso che le abbia già effettivamente incontrate e conosciute: nel senso che hanno tantissime caratteristiche in comune con altre persone che ho già frequentato. La nuova ragazza del mio amico ha lo stesso modo di parlare e sorridere della mia ex; una persona con cui sono in riunione gesticola esattamente come faceva un mio professore; la ragazza seduta di fronte a me in treno legge con la stessa espressione compunta, quasi sofferente, di un'amica; le battute di un tizio ad una festa di compleanno sono esattamente lo stesso genere di umorismo di un vecchio collega di lavoro.

La sensazione è simile ad un dejà-vù, ma non riguarda la dimensione temporale; riguarda la dimensione relazionale, il rapporto soggetto-oggetto stabilito dalla coscienza.

Dejà-connu.

Come se l'altro-da-me si omogeinizzasse, allargandosi e collegandosi ad ogni direzione della mia esperienza. Probabilmente è solo una mia tendenza a semplificare: tendo forse a raggruppare persone e situazioni in stereotipi? E' possibile, anche se non ci metterei la mano sul fuoco. Ipertestualità quotidiana, piuttosto?

5 Comments:

At 3:27 PM, Anonymous Anonimo said...

Riconoscere negli estranei particolari fisici e comportamenti, è una cosa che faccio spesso anch'io. A volte è una cosa del tutto volontaria, altre volte è un'azione che mi diverte. Spesso mi chiedo quanto sia lo scarto, in termini di alterità, tra noi e un nostro prossimo.
Figaro

 
At 3:33 PM, Blogger Mr.White said...

Ma l'impressione è leggermente diversa, figaro. E' come se le somiglianze, e gli scarti di differenza della situazione, fossero in qualche modo significative. Non solo significative in sè; anche significative tra loro. Come se si formasse una rete di particolari coincidenze. Trovo difficile spiegare il concetto (concetto è un eufemismo, è al massimo una sensazione); conto di ritornarci prossimamente, con le idee più chiare.

 
At 9:35 AM, Anonymous Anonimo said...

Buongiorno,
Un ;-) dal vecchio wsim

 
At 9:56 AM, Blogger Mr.White said...

Che bello stan tornando tutti. :idiota:

 
At 10:22 AM, Anonymous Anonimo said...

però casco a proposito...

Ieri sera era per le campagne in MTB quando incrocio una coppia in tutina da jogging...passo..guardo lei..frenatona, torno indietro...saluto sorridendo...si voltano e si fermano...ci guardiamo tutti e tre interdetti ( per diversi e singolarmente comprensibili motivi) ...mi accorgo istantaneamente che quella persona (fisicamente i-den-ti-ca, praticamente una fotocopia dell'originale) non è lei...

"scusate ho sbagliato persona..."
"infatti non la conosco..."

ma era i-den-ti-ca dico!!!!

wsim

 

Posta un commento

<< Home